IMPIANTO DI SPREMITURA DEI SEMI

L’impianto di spremitura è composto da tutte le attrezzature atte all’estrazione meccanica dell’olio dal seme di oleaginosa. In particolare è presente un vaglio che separa fino a 4 granulometrie di impurità, anche pulverulente, una spremitrice meccanica con una pressa, da cui esce radialmente l’olio ed assialmente il panello di spremitura, un sistema di filtraggio a calze dell’olio estratto e carico su due serbatoi temporanei da 850 litri l’uno e poi nei serbatoi integrati nell’edificio, da 20 m3 l’uno. Un impianto a coclea consente di allontanare il panello. La capacità di produzione è di circa 300 kg/h di semi.

Attività: spremitura meccanica di oleaginose e valutazione del contenuto in olio del seme
Descrizione
Le attività, articolate in differenti fasi, possono essere compiute su diversi tipi di semi. di seguito si riportano:
– 3.A.1: vagliatura del seme
– 3.A.2: spremitura meccanica del seme
– 3.A.3: filtraggio dell’olio
– 3.A.4: estrazione di panelli di spremitura e loro pellettizzazione
– 3.A.5: analisi chimico, fisiche ed energetiche su: vaglio, olio, panello di spremitura
Dati di input
– Seme, caratteristiche di produzione
Dati di output
– Resa in olio
– Caratterizzazione chimico fisica ed energetica dell’olio, del panello, del residuo del vaglio (UNI EN 14774-2:2010; UNI EN 15148:2010; UNI EN 14775:201; UNI EN 15104; UNI EN 14918:2010 UNI EN ISO 18134-2:2015 UNI EN ISO 16948:2015)
– Acque di vegetazione e residui della filtrazione